Review: Waterproof Sony Xperia Z2 Tablet Reminds Us Why the iPad No Longer Is King

I've always been and will always be a technophile. But despite my love affair with the latest smartphones, smart home devices, computers and anything claiming to be artificially intelligent, I've never owned a notebook offerte or have needed to. Coming from a longtime tech geek who's always ahead of the digital curve, it's quite ironic to only get it now so late in the game.

I blame it on the right tablet taking its sweet time to finally smack me in my face. That tablet is the high-end Sony Xperia Z2, which is not to be confused with the new Sony Xperia Z2 smartphone of the same name. The tablet is now available in white and black and it went on sale earlier this month.

I used to review cell phones for About.com when they were clamshells and candy bars. It was all about being smaller and thinner. Before that, I wrote for years as a telecom reporter in Chicago. Way back when, I even was one of the first people to write about the concept of an iPhone before there were whispers of Apple getting into the phone space and the notion of going viral wasn't even in its infancy.

Today it's still about being thinner, but now it's about being bigger and bolder, too.

To those who know me, I make no secret about being a Google/Android guy versus a rabid Apple fan. But despite being a techie, I've been satisfied my whole post-1989 life since the Internet went public with only a smartphone, a work laptop and a home laptop. I haven't wanted or seen the need for a tablet. It'd just be a distraction, I thought, that was smaller than my laptop but bigger than my phone.

The tablet has been the middleman I've never needed.

For me to go the route of a tablet at all, I'd most expect myself first gravitating toward a Samsung Galaxy lenovo tablet PC considering all of my phones in the last few years have been upgrades to the Samsung Galaxy product line. It turns out that Sony is my dark horse. They're an interesting choice because their sell – and, in fact, what they do deliver – is the ability to pack in the best technology from their BRAVIA TVs and marry it with their well-known expertise in sound.

Waterproof, Thin & Fast

The resulting Sony Xperia Z2 will surprise you. From first glance, you'll notice how thin it is: just a quarter of an inch! Then you'll notice how light it is: just 15.5 ounces. By comparison, the thinnest iPad – the iPad air – is 0.29 of an inch and is 1 pound (16 ounces) in weight.

While the Sony Xperia Z2 is just barely thinner and lighter and has a slightly larger display, it ranges from $500 for the 16-gigabyte model to $600 for the 32-gigabyte model. The iPad Air ranges from $500 to $929 with lots of choices. The iPad Air, though, can't boast that it is waterproof, which is an interesting benefit to seek out in a tablet. It'll come in handy when you least expect it.

The Xperia Z2 is rated IP55/58. This means it has been tested and has "protection from the amount of dust that would interfere with the operation of the equipment" and also "protection from water projected from a nozzle." This also means it features a water resistance ability up to a depth of 4.9 feet.

In testing, the Xperia Z2 warned me when I opened its flappy microSD and charger port protectors because the tablet's inputs there aren't waterproof. So, be careful not to put your Xperia Z2 in the shower while you're charging it. Also, while I haven't yet broken those flappy port covers, I feel like I could easily snap them off (and then, of course, the tablet will get mad at me because it's no longer truly waterproofed).

The 10.1-inch screen (1920x1200 pixels and 224 pixels per inch) is stunning and extremely bright even on a sunny day. Black actually looks black, white is true white, light doesn't bleed and millions of colors are sharp as nails. The Xperia Z2 brags with lots of trademarks and marketing jargon for its screen – including an HD TRILUMINOS™ display and Live Color LED with X-Reality™ – but that stuff just means it's like watching a stunning HD TV that's as good as it gets today.

The iPad Air has a 9.7-inch, LED-backlit retina display. When you get down to the nitty gritty, the iPad Air has the upper hand from a display perspective with its resolution of 2048x1536 pixels and 264 pixels per inch. Pixilation is mostly unnoticeable in both cases, but technically the iPad Air with retina display can produce a more detailed image and more accurate colors.

As for sound, we have more trademarks and fancy words: S-Force Front Surround™ audio, Clear Audio+ and digital noise-canceling support. It's great sound in the real world, but I've easily noticed overloaded sound coming from watching music videos and the like. It's sly to put the speakers on the front versus the back where you can easily muffle the audio when placing it on your lap.

The Xperia Z2 features a 6,000 mAh battery whereas the iPad Air is approximately equivalent to 8,820 mAh (or 10 hours of surfing the Web on Wi-Fi, watching video or listening to music). To put things in context, the latest Samsung Galaxy S5 smartphone has 2,800 mAh (up from 2,600 in the S4 and 2,100 in the S3). While the industry has expressed concerns with the Xperia Z2's 6,000 mAh battery, it'll easily last you a full day's use until it's time to charge it at night. The Xperia Z2's Stamina mode noticeably helps keep you juiced longer, too.

The Xperia Z2 is extremely fast. For the geeks, it features a Qualcomm Snapdragon 801 processor with a 2.3-gigahertz quad-core Krait CPU, Adreno 330 GPU and 3 gigabytes of RAM. It has up to 16 gigabytes of flash memory and up to 128 gigabytes of expandable memory via a microSD slot. The iPad Air sports the A7 chip with 64-bit architecture and a M7 motion coprocessor. In my testing, the Xperia Z2 runs cool to the touch except for in the upper-left back quadrant where it tends to warm up.

Both are extremely fast tablets, but the true test is time and how much data you put on it. Tablets and smartphones always seem fast off the shelf. They slow down over time when you clog them with all of your selfies and videos of Aunt May playing bingo.


Yashi TabletBook Ultra S2: nuovo tablet in stile Surface-tinydeal

Yashi è un’azienda oramai attiva sul mercato da molto tempo, anche se non è mai passata alle luci della ribalta per un prodotto rivoluzionario. E’ stata una delle prime aziende a credere nell‘utilità del tablet, dato che diverso tempo fa ne presento addirittura uno con il sistema operativo Windows 7. Recentemente Yashi ha fatto parlare di nuovo di se, annunciando il nuovo tablet cellulare android Yashi TabletBook Ultra S2, stavolta dotato di Windows 8.1 che, per quanto riguarda le funzionalità e la tipologia di accessori, ricorda molto i tablet Surface.

La prima caratteristica che troviamo simile ai tablet android economici di casa Microsoft è lo stand posteriore, diverso si da quello dei Surface ma con la medesima funzione. Analizzando le specifiche tecniche di cui è dotato, scopriamo che Yashi TabletBook Ultra S2 ha delle dimensioni di 320mm x 196mm x 13.5 mm. pesa 950 grammi e al suo interno è presente un display da 11,6 pollici con touchscreen capacitivo e risoluzione HD di 1366×768 pixel, un processore a scelta tra un Intel Core i3/i5/i7 di terza generazione ULV (Ultra low voltage), 4 GB di memoria RAM e 128 GB di storage interno (SSD) espandibile tramite scheda SD. Dal punto di vista della connettività invece, troviamo una scheda di rete aderente allo standard IEEE 802.11 b/g/n, un modulo Bluetooth 4.0, modulo 3G, 2 porte USB 3.0 e connettore HDMI (out).

Se le caratteristiche tecniche sono di medio livello, non si può purtroppo dire la stessa cosa delle caratteristiche fotografiche, dato che a bordo di Yashi TabletBook Ultra S2 troviamo un sensore posteriore da 2 Mpixel e un sensore anteriore da 1,3 Mpixel. A completare la dotazione tecnica troviamo una batteria da ben 8.000 mAh e il sistema operativo Windows 8.1.

Nella confezione di vendita si trova poi una comodissima smart cover, utilissima per lunghe sessioni di scrittura, che però non aggiunge particolari funzionalità aggiuntive, dato che è priva sia di batteria che di connettività. Yashi TabletBook Ultra S2 è già disponibile all’acquisto in Italia ad un prezzo di 719 euro IVA inclusa per la versione con processore Intel Core i3.


Singstar uscirà su Playstation 4 insieme ad un'app dedicata agli Smartphone

Il celebre gioco musicale, basato sul Karaoke, SingStar vedrà il suo debutto entro la fine dell'anno sulla nuova console di casa http://www.tinydeal.com/it/android-phones-c-54_678_790.html Sony Playstation 4, insieme ad un'applicazione che ci permetterà di utilizzare i nostri smartphone come dei veri e propri microfoni.

Il nuovo capitolo del celebre serie porterà il nome di Singstar: Ultimate Party e, come dichiarato da Chris Bruce, sul blog ufficiale di Playstation, uscirà anche sulla console di old generation, Playstation 3 ed includerà al suo interno numerose novità.

Come anticipato prima, il nuovo SingStar sarà supportato da un'applicazione gratuita dedicata ai nostri Smartphone, sia IOS che http://www.tinydeal.com/it/dualcore-c-54_1022_1025.html Android, che ci permetterà non solo di utilizzare i dispositivi mobile come dei microfoni ma, anche di impostare e creare le playlist personalizzate.

Il gioco includerà al suo interno anche numerose funzioni social, legate alla condivisione delle nostre migliori performance, sia con la community del gioco che sui popolari social network, Twitter e Facebook.

Ovviamente Singstar: Ultimate Party sarà totalmente compatibile con Playstation Camera, utile per trasformare il nostro salotto in un vero e proprio set musicale e sarà continuamente supportato dal rilascio di numerosi pacchetti di canzoni.

A questo punto non ci resta altro che attendere l'annuncio sulla data ufficiale di debutto del nuovo Singstar: Ultimate Party, che vi ricordiamo sarà disponibile sia sulla console old generation, Playstation 3 che sulla nuova piattaforma, Playstation 4.


Google brevetta un Chromebook con smartphone Android integrato

I colleghi di Patent Bolt, sito che si occupa di analizzare i più interessanti tra i brevetti registrati presso lo US Patent & Trademark Office, ne hanno scovato uno depositato da Google a gennaio di quest'anno, anche se alcune sue parti risalgono addirittura al 2009, su un progetto davvero interessante: un notebook con uno telefonia cinese integrato. Teniamo a precisare che i documenti non indicano i sistemi operativi dei due dispositivi, ma secondo i colleghi americani dovrebbe trattarsi di un Chromebook e di uno smartphone Android. E' possibile che sia un sistema cross-platform?

I device ibridi, smartphone che possono diventare tablet o tablet che si trasformano in portatili, non sono certo una novità, ma basta dare un'occhiata agli schemi pubblicati per capire che qui si tratta di altro e che l'integrazione tra i due componenti va oltre il semplice alloggiamento dell'uno all'interno dell'altro. Ad esempio lo smartphone può essere sganciato dal notebook per rispondere in privato a una chiamata in ingresso e poi riagganciato al portatile senza interrompere il lavoro che si stava svolgendo su quest'ultimo né sospendere la connessione telefonica.

Quest'ultima anzi potrà essere sfruttata anche dal portatile, offrendo così all'utente la possibilità di accedere ai propri dati anche in mobilità ma col doppio vantaggio di contenere il prezzo finale (un unico chip per due dispositivi) e di sfruttare un display molto più ampio di quello dello cellulari dual sim cinesi per visualizzare quello che gli interessa.

In ogni caso per rispondere a una chiamata in ingresso non sarà necessario distaccare lo smartphone e si potrà anzi scegliere di rispondere direttamente se si preferisce o la situazione circostante lo consente. Questa funzione inoltre sarà disponibile anche con il notebook in standby e in sleep o addirittura spento.


Come sempre però ricordiamo che un brevetto non implica necessariamente l’intenzione da parte di un’azienda di produrre un prodotto commerciabile, per cui non è detto che un prodotto simile vedrà mai la luce, o comunque non per forza esattamente così com’è stato descritto in questi documenti, né i brevetti indicano precisi termini temporali affinché ciò avvenga. I progetti tuttavia restano ugualmente interessanti perché ci danno un’idea delle diverse direzioni di sviluppo che quotidianamente vengono esplorate dalle grandi aziende.  

Samsung Galaxy S5 in offerta con Vodafone a prezzo rateizzato

Il nuovissimo Samsung Galaxy S5 è in offerta con Vodafone a prezzo rateizzato. Sì avete capito bene, a causa del fatto che moltissimi appassionati hanno rinunciato ad acquistare il nuovissimo Samsung Galaxy per via del prezzo troppo elevato, Vodafone ha pensato bene di cavalcare l'onda proponendo il modello acquistabile a rate in abbinamento con un piano tariffario a scelta. L'offerta del Samsung Galaxy S5 è così disponibile sia in abbonamento, sia per i clienti ricaricabili, ad un prezzo suddiviso in rate mensili. Ma conviene? Ecco una breve analisi dell'offerta.

Samsung Galaxy S5 in offerta, il prezzo delle rate Vodafone

Come anticipato, da un po' di tempo è possibile acquistare uno dei tanti cellulari dual sim cinesi top gamma evitando di sobbarcarsi prezzi troppo spesso proibitivi. Da qui la trovata che oltre a Vodafone, hanno avuto tutti i maggiori carrier telefonici di rateizzarne il costo. Nel caso del nuovissimo Samsung Galaxy S5, l'offerta prevede un vincolo di durata pari a 30 mesi con rate via via diverse a seconda delle tariffe abbinate selezionate, differenti per clienti in abbonamento o ricaricabili.

In questa sede affronteremo con particolare attenzione le offerte per questa seconda tipologia di clienti per cui sono disponibili due piani tariffari da abbinare: Tutti 500 e Smart 200, ma andiamo con ordine. È importante sottolineare che in ogni caso, per aderire all'offerta a prezzo rateizzato, per il Galaxy S5 è previsto un contributo iniziale di 99,99 euro. A seguire, le rate avranno un costo di 20 euro mensili (per 30 mesi) cui sommare il costo dell'offerta scelta. Vodafone specifica che abbinando l'acquisto ad un pacchetto internet, si avranno in omaggio per 6 mesi 2 Gb di Internet a 4G in più.

Come abbiamo detto, le tariffe abbinabili per gli utenti ricaricabili sono Tutti 500 e Smart 20, con prezzi rispettivamente di 9,90 al mese e 14,90 al mese. La prima offerta in abbinamento al Galaxy S5 offre 500 minuti verso tutti, personalizzabile con più minuti, sms o internet che a loro volta comportano spesso costi aggiuntivi dilatando il canone mensile.

La seconda in abbinamento al Samsung Galaxy S5 di Vodafone è Smart 200 che come l'altra risulta personalizzabile ed estendibile, ma di base offre i seguenti servizi: 200 minuti verso tutti, 200 sms verso tutti e 1 Gb di Internet.

Il costo di attivazione delle suddette offerte è di 9 euro per i nuovi clienti, ora in promozione a 3 euro, mentre per i già clienti è di 19 euro (dà inoltre diritto a minuti illimitati verso un numero Vodafone a scelta)

Samsung Galaxy S5 in offerta Vodafone, conviene?

Veniamo al nodo cruciale della promozione: si tratta di un'offerta conveniente? Ricercando le migliori offerte per il Samsung Galaxy S5 viene fuori che, a pochissimo dall'uscita, lo smartphone octa core può essere acquistato a soli 519 euro. Il prezzo complessivo offerto da Vodafone, alla meglio dei 30 mesi (più contributo iniziale) sfiora i 700 euro. Tutto questo senza contare i costi dell'offerta che, seppur relativi al servizio, sono sempre sottoposti a vincolo. Ma allora conviene acquistare il Samsung Galaxy S5 con l'offerta Vodafone? Dipende: il sito internet ad esempio non specifica il costo della rata finale, che con altri operatori risulta essere addirittura maggiore di quella iniziale, facendo così lievitare enormemente il prezzo dello smartphone. Il consiglio quindi prima di procedere all'acquisto, è quello di richiedere al proprio rivenditore di fiducia tutte le condizioni di tale offerta.


Appunti sul tablet? Per l’apprendimento meglio usare carta e matita

Secondo una nuova ricerca pubblicata su Psychological Science prendere appunti a mano con carta e penna è meglio rispetto a scrivere appunti digitali se il nostro obiettivo è apprendere e fissare in memoria a lungo termine informazioni concettuali.

L’abitudine di scrivere appunti su laptop e altri dispositivi digitali è tanto più frequente quanto ampiamente controversa in relazione alle maggiori opportunità di distrazione che il digitale offre. Gli psicologi della Princeton University, dunque, si sono domandati se e quanto fossero efficaci gli appunti digitali in termini di performance accademiche, anche quando pc e tablet android 10 pollici sono utilizzati unicamente allo scopo di prendere appunti durante le lezioni o sessioni di studio.

In un primo studio 65 studenti universitari hanno guardato in piccolo gruppo uno tra cinque tablet 10 android TED Talks chiedendo loro di scegliere la modalità che solitamente utilizzavano per prendere appunti: laptop non connesso a internet oppure carta e penna. Dopo essere sottoposti a tre compiti distrattori, è stato loro chiesto di rispondere a una serie di domande sul talk precedentemente ascotato che andavano ad indagare sia la comprensione concettuale che il recupero mnestico di specifiche informazioni fornite. I risultati sono interessanti: se i due gruppi (appunti carta matita e appunti digitali) hanno avuto performances molto simili nel recupero mnestico di informazioni fattuali, il gruppo di studenti che ha preso appunti digitali ha dimostrato di avere prestazioni peggiori in termini di comprensione concettuale. Analizzando le caratteristiche delle note si è anche rilevato che gli appunti digitali contenevano una maggior quota di sovrapposizione e mera trascrizione delle parole del relatore rispetto agli appunti carta-matita: inoltre, all’interno del gruppo “appunti a mano” una migliore comprensione concettuale era associata a un minor numero di sovrapposizione di verbatim riguardo le parole del relatore.

E’ plausibile dunque inferire che i tradizionalisti che si appuntano note e concetti a mano su carta siano maggiormente coinvolti in un processo di elaborazione di ciò che ascoltano, mentre l’appunto digitale sarebbe più associato a un processo di trascrizione passiva di ciò che si ascolta.


Nokia Treasure Tag: un simpatico spot sottolinea l'utilità dell'accessorio

Nokia Treasure Tag è tornato recentemente sotto i riflettori, sia per l'ufficializzazione della versione mini, sia per l'annuncio della disponibilità a livello globale della prima versione WS 2, commercializzata al prezzo di 24,90 euro.

Come è noto, Nokia Treasure Tag è un accessorio molto utile per avere sempre a portata di mano gli oggetti più preziosi, senza correre il rischio di perderli. Questo è, in sintesi, il messaggio del nuovo video spot, che dimostra alcuni possibili utilizzi del Nokia Treasure Tag con l'inconfondibile stile che caratterizza i video promozionali pubblicati dal team di Nokia.

Dal mazzo di chiavi agganciato al tag, allo smartphone dual core accoppiato mediante connettività Bluetooth 4.0: tutto sarà facilmente tracciabile ed individuabile ricorrendo all'applicazione disponibile per gli smartphone Lumia. L'app, visibile anche nello spot, consente di visualizzare l'ultima posizione nota dell'oggetto, mentre intervenendo sul pulsante collocato sul Nokia Treasure Tag sarà possibile localizzare lo smartphone attivando un avviso sonoro. Grazie al software e alla possibilità di accoppiare sino a 4 tag allo stesso smartphone, il Lumia segnalerà in automatico gli oggetti dimenticati non appena si supererà la portata massima della connettività Bluetooth (40 metri quella nominale del WS 2).

Il modello mostrato nel video è il Treasure Tag WS 2 che, a fronte di dimensioni e peso superiori alla versione mini (30 x 30 x 10 mm, peso 13 grammi), integra la connettività NFC (che semplifica l'attività di accoppiamento allo cellulari cinesi) e il segnalatore acustico. Per ulteriori informazioni sulle caratteristiche e sul funzionamento, si rimanda alla nostra precedente news ed alla scheda tecnica ufficiale del prodotto.


LG, tre nuovi tablet GPad in arrivo da 7.0, 8.0 e 10.1 pollici

Non contenta di avere solo un tablet 7 pollici (il G Pad 8.3) rispetto al suo rivale Samsung, il produttore coreano LG annuncerà tre nuovi tablet - G Pad 7.0, 8.0 e 10.1 - ed essi faranno il loro debutto ufficiale nel Principato di Monaco il 13 maggio alla fiera MEDPI.

Tutti e tre i tablet in arrivo da LG si baseranno su piattaforma Android e potranno anche condividere alcune delle caratteristiche della gamma di smartphone di LG, tra cui Knock Code, che consente ad un utente di sbloccare il telefono toccando il telefono cellulare in qualsiasi punto dello schermo con dei movimenti personalizzati.

Oltre alle dimensioni dello schermo dei nuovi tablet (che corrispondono ai loro nomi), LG non ha rivelato altre informazioni riguardo le specifiche, la disponibilità o il prezzo dei dispositivi. Sulla base della foto stampa ufficiale (che sopra vedete), però, possiamo immaginare che i tablet avranno tutti un telaio in plastica, una fotocamera posteriore e pulsanti su schermo.

Di due dei tablet sopra segnalati - il modello da 7 e tablet 10 pollici android - avevamo già avuto modo di anticipare qualcosa nelle scorse settimane, quando dal sito ufficiale della FCC (Federal Communications Commission), l'ente federale statunitense che ha il compito di certificare i dispositivi portatili in uscita sul mercato, sono giunti i primi indizi su due nuovi tablet firmati LG Electronics. I due terminali in questione sono stati classificati con le sigle LG V400 e LG V700 e, stando alle prime voci di corridoio trapelate online, il form factor dovrebbe essere rispettivamente di 7 e 10.1 pollici.

Il modello da 7 pollici dovrebbe avere una webcam da 1 Megapixel per le videochat in alta definizione e una fotocamera posteriore da 3 Megapixel, mentre il modello da 10.1 pollici dovrebbe avere un sensore fotografico da 5 Megapixel. Per il momento, non è noto se sarà presente o meno il flash LED. In tutti i modelli dovrebbe essere presente il modulo di connettività Wifi dual band, ma non sappiamo se sono previste anche delle versioni con connettività 4G LTE o 3G HSPA+. Il sistema operativo preinstallato dovrebbe essere l'ultimo Android 4.4.2 Kit Kat.


iPhone 6: data d'uscita e photogallery dello smartphone

Il nuovo cellulari cinesi targato Apple è ormai ad un passo dalla presentazione ufficiale, parliamo naturalmente dell'iPhone 6; dopo i rumors e le caratteristiche analizzate nel dettaglio sul post precedente vediamo adesso la probabile data d'uscita, della presentazione ufficiale e la photogallery ricavata dalle immagini disponibili sul web.

iPhone 6: data d'uscita e photogallery dello smartphone android cinesi

Mentre la Apple continua ad ingranare nel mercato grazie alle vendite dell'iPhone 5S e del suo alter ego in versione economica ecco che l'interesse dei consumatori è sempre più incentrato sull'iPhone 6, la Apple ha infatti deciso di puntare tutto sul prossimo melafonino in uscita e secondo gli ultimi rumors l'attesa sarà senza dubbio ricambiata dalla qualità del nuovo dispositivo.

Possibile data d'uscita e di presentazione ufficiale

Secondo gli ultimi rumors ed i calcoli effettuati in base alle azioni di mercato della casa produttrice, la presentazione ufficiale dell'iPhone 6 potrebbe avvenire nel mese di Luglio, dunque non mancherebbe molto per veder confermati definitavamente caratteristiche e rumors sul melafonino. La fatidica data d'uscita si attesta invece tra l'ultima settimana di Settembre e la prima settimana di Ottobre, periodo in cui la Apple è propensa a commercializzare i nuovi modelli.

Photogallery

A destra dell'articolo potete trovare la photogallery contenenti le ultime immagini sul design del nuovo iPhone 6 (design probabili ma non ancora ufficiali), ricordiamo che sarà il primo iPhone made in Cupertino e che il nuovo dispositivo ha tutte le carte in regola per ambire al trono degli smartphone.



Gli smartphone più venduti sono di Apple e Samsung

Apple e Samsung continuano a dominare il mercato internazionale degli smartphone. L’iPhone 5S e il Galaxy S5 restano indisturbati tra gli android cinesi smartphone “top selling”, ovvero i più venduti, negli Stati Uniti anche nel mese di Aprile.

Le indagini condotte da Canaccord Genuity indicano che gli iPhone 5S e i Samsung Galaxy S5 restano gli smartphone più venduti nella fascia alta di tutti gli operatori statunitensi e di un gran numero di canali globali. Come ha riportato l’analista Michael Walkley, possiamo notare che le vendite dell’iPhone 5S sono state più morbide nel mese di Aprile rispetto al mese di Marzo, probabilmente in quanto il Samsung Galaxy S5 ha guadagnato una grande porzione del mercato cellulari cinesi. Secondo i dati forniti, le vendite di iPhone 5S e Galaxy S5 nell’ultimo periodo hanno raggiunto il 106% dei profitti globali delle aziende che producono smartphone.

Da Gennaio a Marzo 2014, Apple ha guadagnato il 65% dei profitti generati dalle aziende del settore smartphone, mentre Samsung ha guadagnato il 41%. Tutte le altre aziende hanno registrato una quota neutrale o negativa. Tra le aziende che si trovano ad affrontare dei risultati negativi troviamo Nokia, BlackBerry e Motorola, mentre LG, HTC e Sony si trovano in una condizione neutrale. Ricordiamo che l’anno scorso, nello stesso periodo, Apple guadagnava il 57% dei profitti e Samsung il 43%.

Walkley rileva separatamente che un numero crescente di persone negli Stati Uniti sta optando per diversi programmi di upgrade come “AT&T Next” o “T-Mobile Jump”. Questi programmi permettono di poter cambiare il proprio dispositivo ogni 12 o 18 mesi circa.

“Crediamo che queste tendenze potrebbero consentire ad Apple di proporre prezzi più elevati per i prossimi iPhone 6 con schermi più grandi. Crediamo inoltre che Apple dovrebbe riconquistare quote di mercato di fascia alta durante la seconda metà del 2014, grazie ai nuovi iPhone che creeranno un forte ciclo di upgrade per i fedeli ad Apple”. – dice Walkley. La dimensione dell’iPhone è da qualche tempo un problema per Apple. Già nel 2012, quando l’iPhone 5 venne commercializzato, il formato da 4 pollici era già stato superato dai rivali sul mercato. E anche l’iPhone 5s ha mantenuto le stesse dimensioni, perdendo le quote di vendita di chi ha preferito un display più grande e si è orientato sulla concorrenza. Ricordiamo comunque che da Apple ci si aspettano due nuovi smartphone di dimensioni più grandi: uno da 4,7 pollici e l’altro da 5,5 pollici.

Secondo Walkley inoltre, il mercato degli OEM cinesi emergerà e creerà una concorrenza a lungo termine con Apple e Samsung. Ovviamente, l’analista ci fa anche notare che il profitto non è il market share e che è proprio in virtù di questo che Apple e Samsung possono anche ottenere il 100% dei profitti e continuare a vedere nel mercato molte altre aziende competere tra di loro.




Acer Aspire Switch 10 e Iconia Tab 7, ibrido e tablet di primavera

Tra notebook e tablet. Le nuove proposte per la mobilità estrema in casa Acer si declinano così: con Acer Aspire Switch 10 e Iconia Tab 7. Il primo, lo dice il nome, è prima di tutto un notebook, 2-in-1, convertibile, ibrido, ma sempre notebook. Iconia Tab 7 invece è certamente un tablet.

Aspire Switch 10

Acer con Aspire Switch 10 soddisfa quattro modalità di utilizzo: come notebook, tablet cinesi migliori, display (per riprodurre i contenuti con il display girato verso i colleghi) e tenda, cioè con il device appoggiato sui due profili lunghi. Acer Snap Hinge, la tecnologia che sfrutta in pratica un sistema a magneti permette di posizionare questo device agilmente, in pratica due ganci sorreggono il tablet, mentre un connettore a 2 vie permette di mantenere una comoda, doppia posizione. Il tablet è sganciato e agganciato tramite una forza magnetica in grado di sostenere fino a 2,8 kg ben superiore al peso del device. Acer Aspire Switch 10 è dotato di cover in alluminio, in modalità tablet economico lo spessore è di appena 8,9 mm, mentre completo lo spessore è di 2 c.

Peso complessivo di appena 1,20 KG. Il display ha risoluzione 1366×768, tecnologia IPS, Acer per rendere vivide le immagini anche se non con risoluzioni da record implementa in questo device la tecnologia Zero Air, e con Acer LumiFlex lo Switch 10 mantiene buona visibilità anche negli ambienti esterni. Non è da notebook però la memoria complessiva al massimo 64 Gbyte, e quindi viene in soccorso l’hard disk opzionale fino a 500 Gbyte, oppure i servizi cloud di Acer; sono 2 i Gbyte di Ram utilizzabili per lavorare con il processore Intel Atom Bay Trail T e Windows 8.1.

Acer vende Aspire Switch 10 con preinstallato Microsoft Office Home and Student. Oltre a tablet e tastiera è disponibile una custodia Acer Snap. Sono disponibili inoltre le interfacce micro USB, utilizzabile anche come hub e il cavo micro Hdmi-VGA per il collegamento a monitor esterni. Il vero punto di forza è però il prezzo, a partire da 349 euro.

Iconia Tab 7

Costa ben 200 euro in meno invece il semplice tablet Iconia Tab 7, disponibile anche in una versione con display HD (1280×800). Mentre tutti i modelli dispongono di un sistema di rivestimento del display anti-imprponte. Nel primo caso il prezzo è di 149 euro, perfettamente in linea, con quello che presto arriverà ad essere il prezzo mainstream per i tablet da 7 pollici, invece – a scaffale da luglio – Iconia Tab 7 HD costa 179 euro . Innanzitutto Iconia Tab 7 è anche 3G (ma non LTE), idealmente nasce come sintesi di tablet e cellulare, ha uno spessore di appena 0,9 mm e una larghezza di 11,6 cm. Pesa circa 300 grammi. In questo segmento Acer precarica l’ultima versione di Android (la 4.4 Kitkat). La Ram è di 1 Gbyte per il processore quad-core; la memoria di 16 Gbyte è espandibile tramite schedine microSD.

A completare la nuova proposta tablet arriva anche il modello base Acer Iconia One 7, che non dispone di connettività 3G, lavora con i processori Intel Atom Z2560, ha il display con risoluzione 1280×800 e quindi un formato 16:9.  L’esordio è con Android 4.2, ma questo modello sarà aggiornabile ad Android KitKat. Prezzo consigliato di 139 euro.


Nuovi Tablet HP appaiono sul web tramite immagini leaked

HP sembra molto intenzionata ad ampliare la propria gamma di tablet cinesi migliori, in un crescendo che sembra inarrestabile. Nel 2013 ha iniziato la produzione di pochi modelli, aumentati nel 2014: Slate 7, Slate 8 e Slate 10 HD ne sono un esempio. Ma sembra che non finisca qui, infatti sono attesi ulteriori modelli, e proprio oggi ne abbiamo un’anteprima grazie al solito @evleaks.

Dalle immagini leaked è possibile notare la gradevolezza estetica e la compattezza di tale dispositivo, caratterizzato altresì da un design “familiare”, che richiama lontanamente HTC One solo un po’ più grande. Le colorazioni mostrate sono tre, e sono rispettivamente black, silver e gold, con una scocca che sembra alluminio; non sappiamo se sono modelli differenti o se si tratta di colorazioni differenti dello stesso dispositivo. Inoltre accanto alla fotocamera del tablet in colorazione silver si nota un flash led.

Il form factor ci fa pensare ad una possibile dimensione tra i 7 e gli 8 pollici di diagonale, molto compatta e “tascabile” rispetto a tablet china con dimensioni più importanti. Di seguito le immagini leaked del dispositivo:

Ci è piaciuta particolarmente la colorazione gold, molto particolare e atipica su di un tablet. Purtroppo non conosciamo le caratteristiche tecniche, ma presupponiamo che siano allineate ai vari Slate già presenti in commercio, e sicuramente sarà dotato di Android a bordo.


Search form
Display RSS link.
Link
Friend request form

Want to be friends with this user.

QR code
QR